Menu

Cerca

L.R. 18/99 TURISMO FONDO ROTATIVO 2019

Finalità

Favorire lo sviluppo, il potenziamento e la qualificazione dell’offerta turistica piemontese, attraverso la creazione di nuove strutture ricettive e il miglioramento del patrimonio ricettivo esistente, degli impianti e delle attrezzature per il turismo.

Beneficiari

PMI e gli enti no profit, operanti in forma singola, che si occupano della gestione di strutture alberghiere, strutture extra–alberghiere, campeggi‐villaggi turistici, impianti di risalita, parchi di divertimento e parchi tematici, stabilimenti termali.

Interventi ammissibili

Sono ammissibili gli investimenti di importo minimo pari a € 50.000 e che rientrano in una delle seguenti tipologie:
1. Creazione di nuova ricettività;
2. Miglioramento e ampliamento del patrimonio ricettivo esistente;
3. Realizzazione, ristrutturazione e riqualificazione di impianti e attrezzature per il turismo;
4. Realizzazione di servizi di pertinenza complementari all’attività turistica e della ricettività turistica all’aperto;
5. Interventi di recupero, sostituzione e adeguamento tecnico degli impianti di risalita e innevamento.

Spese ammissibili

Sono ammessi i seguenti costi:
I. Acquisto dell’immobile e/o del terreno (max 50% costi ammissibili);
II. Attività edilizia;
III. Attivazione o adeguamento di impianti termoidraulici, elettrici, tecnologici e antincendio;
IV. Attrezzature, arredi, hardware e software;
V. Adeguamento tecnico degli impianti di risalita e innevamento Le spese sono ammissibili a condizione che siano riferiti ad investimenti avviati successivamente:

  • al 01/01/2019, per le domande presentate fino al 31/12/2019
  • all’invio telematico, per le domande presentate dal 01/01/2020.

Agevolazione

La misura prevede il riconoscimento sul 100% della spesa di:

1) Finanziamento agevolato erogato con il concorso di:

  • risorse regionali a tasso zero (quota massima di intervento 80%);
  • risorse degli intermediari cofinanziatori (banche e confidi) a tassi di mercato (restante 20%).

2) Contributo a fondo perduto pari al 5% della spesa ritenuta ammissibile.

Operatività

Prevista a partire da novrembre 2019

Regime e comulabilità

De minimis non cumulabile.

L.R. 34/04 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI

Finalità

Supportare gli investimenti e sostenere l’accesso al credito delle imprese piemontesi.

Beneficiari

Imprese, anche di grandi dimensioni, operanti in Piemonte nei settori di attività ammessi ad agevolazione (industria, artigianato e commercio).

Interventi ammissibili

Sono finanziabili gli interventi per la realizzazione di progetti di investimento, sviluppo e consolidamento. Sono previste due linee di intervento:

  • Linea A per le MPMI
  • Linea B per le Grandi imprese. Gli interventi finanziabili devono essere di importo minimo pari a:
  • € 25.000,00 per micro e piccole imprese,
  • € 250.000,00 per le medie imprese
  • € 500.000,00 per le grandi imprese.

Spese ammissibili

Sostenute dopo la presentazione della domanda ad eccezione:
1) delle domande presente fino al 30/09/2019, che godranno di una retroattività delle spese dal 01/01/2019
2) delle domande presentate da imprese costituite da meno di 6 mesi In questi casi l’ammontare dei costi sostenuti non deve essere pari o superiore al 30% del totale dei costi ritenuti ammissibili. Le spese ammissibili risultano così articolate:
a) Spese principali:

  • Macchinari e impianti di servizio ai macchinari, attrezzature;
  • Hardware e software;
  • Mobili, arredi, macchine d'ufficio, altri beni, strumentali al progetto
  • Automezzi per trasporto
  • Spere edili ed impiantistica;
  • Brevetti, marchi, licenze, diritti d'autore
  • Sistemi e certificazioni aziendali
  • Ricerca e sviluppo

b) Spese con limitazione:

  • Acquisto e/o costruzione di immobili
  • Avviamento d'azienda
  • Scorte (materie prime, semilavorati, prodotti finiti, merci).
  • Spese per servizi,
  • Spese generali

Agevolazione

L’agevolazione è composta da:

  • finanziamento con il concorso di risorse regionali a tasso zero e di risorse messe a disposizione da banche e confidi vigilati (iscritti all’Albo previsto dall’art. 106 del TUB) a tassi di mercato convenzionati.

I finanziamenti hanno le seguenti caratteristiche:

  • copertura: fino al 100% delle spese ritenute ammissibili;
  • investimento minimo:
  • € 25.000 per le Micro e Piccole Imprese;
  • € 250.000 per le Medie Imprese;
  • € 500.000 per le Grandi imprese
  • percentuale di intervento regionale: 70%;
  • quota massima di intervento risorse regionali:
  • € 500.000 per le Micro Imprese;
  • € 1.000.000 per le Piccole Imprese;
  • € 1.500.000 per le Medie Imprese;
  • € 4.000.000 per le Grandi imprese.
  • durata: minima 36 mesi e massima di 84 mesi a seconda dell’importo del finanziamento.

Se il soggetto cofinanziatore è un Confidi, l'importo massimo del finanziamento complessivo è pari 150.000,00 euro e quota massima di intervento risorse regionali è pari a 105.000,00 euro.
Contributo fondo perduto (solo per le PMI) da calcolarsi sul 100% della spesa ritenuta ammissibile con le seguenti percentuali:

  • micro imprese: 10% della quota regionale di finanziamento;
  • piccole imprese: 8% della quota regionale di finanziamento;
  • medie imprese: 4% della quota regionale di finanziamento.

Operatività

Prevista a partire da novrembre 2019

Regime e comulabilità

De minimis (Regolamento CE 1407/2018) cumulabile.

REGIONE PIEMONTE - POR EMPOWERMENT INTERNAZIONALE

Finalità

Sostenere programmi di investimento delle PMI finalizzati alla pianificazione, all’avvio, al consolidamento di percorsi di internazionalizzazione

Beneficiari

PMI operanti in Piemonte ammissibili al de minimis

Interventi ammissibili

Gli interventi ammissibili riguardano:

  • Preparazione al processo di internazionalizzazione;
  • Internazionalizzazione dell’impresa, ingresso su nuovi mercati;
  • Radicamento dell’impresa sui mercati esteri

Spese ammissibili

Sono ammessi gli investimenti avviati dopo la presentazione della domanda telematica ricompresi tra le seguenti categorie di spese:
1) acquisto di impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo (max 40% delle spese);
2) installazione e posa in opera degli impianti ivi incluse le opere murarie (max 20% degli investimenti ammessi al punto 1);
3) acquisto di licenze, brevetti, know-how o di conoscenze tecniche non brevettate strumentali al progetto di internazionalizzazione;
4) costi per la partecipazione ad eventi fieristici all’estero (max 20% delle spese);
5) servizi di consulenza e servizi equivalenti (max 50 % delle spese);
6) realizzazione di iniziative di tipo promozionale/commerciale a valenza internazionale;
7) adozione strumenti di digital economy.

Agevolazione

Finanziamento agevolato di importo fino al 100% delle spese ritenute ammissibili e con le seguenti caratteristiche:

  • 70% fondi pubblici, a tasso zero (con un limite massimo di € 700.000);
  • 30% fondi bancari, alle condizioni previste da apposite convenzioni stipulate dagli istituti bancari con Finpiemonte S.p.A.;
  • Durata 60 mesi di cui eventualmente 6 di preammortamento;
  • Rimborso con rate trimestrali posticipate.

Contributo a fondo perduto pari a 20.000 euro per ogni nuovo addetto fino ad un massimo di 200.000 euro.

Operatività

Domanda per l’accesso al finanziamento presentabili dal 27.12.2018 Domande per l’accesso al contributo non ancora presentabili.

Regime e comulabilità

De minimis cumulabile tranne che con gli strumenti comunitari.

REGIONE PIEMONTE POR INNOVAZIONE PMI - EDIZIONE 2019

Finalità

Sostenere programmi di investimento delle micro, piccole e medie imprese, finalizzati a introdurre innovazione nel processo produttivo.

Beneficiari

PMI operanti in Piemonte nel settore della produzione e dei servizi alle imprese

Spese ammissibili

Spese sostenute dopo la presentazione della domanda:
Investimenti materiali

1. acquisto di macchinari, attrezzature e impianti nuovi di fabbrica
2.installazione e posa in opera degli impianti (a titolo di esempio le opere elettriche ed idrauliche), ivi incluse le opere murarie, di esclusivo asservimento, nel limite del 20% degli investimenti ammessi al punto 1

Investimenti immateriali

3. servizi di consulenza ed equipollenti (max 20% dell’importo totale ammesso)
4. acquisto di licenze, brevetti, know‐how o di conoscenze tecniche (max 10% dell'importo totale ammesso)

Agevolazione

L’agevolazione consiste in un doppio incentivo:
A. Finanziamento a tasso agevolato in cofinanziamento con il sistema bancario fino al 100% delle spese ritenute ammissibili, con le seguenti caratteristiche:

  • 60% fondi regionali a tasso zero (con un limite massimo di € 850.000);
  • 40% fondi bancari a tasso di convenzione

Nel caso in cui l’intervento benefici di una delle maggiorazioni previste il prestito sarà strutturato come di seguito:

  • 75% fondi regionali a tasso zero (con un limite massimo di € 1.000.000);
  • 25% fondi bancari a tasso di convenzione

B. Contributo in conto interessi sulla quota bancaria risultante da un piano di ammortamento di durata pari a quello deliberato dalla banca cofinanziatrice, sviluppato ad un tasso fisso convenzionale pari al 2,75% per un importo non superiore al 75% degli interessi effettivamente pagati (max € 50.000 per impresa). Nel caso di accesso alla maggiorazione il suddetto contributo potrà superiore al 90% degli interessi effettivamente pagati

Premialità

  • Rating di legalità
  • Miglioramento delle prestazioni ambientali del ciclo produttivo
  • Miglioramento efficienza energetica nel ciclo produttivo
  • Miglioramento del livello di sicurezza nei luoghi di lavoro

Comulabilità

Regolamento generale di esenzione per categoria (UE) n.651/2014. Possibilità di cumulo con altri aiuti di stato (anche de minimis – no europei) nel rispetto dei massimali comunitari

Operatività Domande presentabili dal 15/01/2019

Contenuti Correlati
L.R. 18/99 TURISMO FONDO ROTATIVO 2019
L.R. 34/04 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI
POR Empowerment Internazionale
Por Innovazione PMI 2019